Esperti in Diritto del Lavoro

Legittime le registrazioni di conversazioni in ambiente di lavoro - Avv. Arturo Strullato

05 febbraio 2021

E' ritorsivo il licenziamento del lavoratore che ha registrato alcune conversazioni con i colleghi a loro insaputa per provare di avere subito un demansionamento.

A stabilirlo è il Tribunale di Nola con una ordinanza del 28 dicembre 2020 (a questo link).

I fatti

Il lavoratore veniva licenziato, per aver leso irrimediabilmente il vincolo fiduciario, dopo aver prodotto in un giudizio, da lui promosso per il riconoscimento del demansionamento e del conseguente risarcimento danno, una registrazione fonografica, acquisita in ambiente di lavoro senza il consenso degli interessati.

Ricorreva quindi in tribunale, chiedendo di annullare il licenziamento, perché ritenuto  ritorsivo.

Le motivazioni del Tribunale

Secondo il Tribunale di Nola, che peraltro aderisce all'orientamento giurisprudenziale maggioritario, le registrazioni ambientali possono essere eseguite anche senza il consenso dei soggetti coinvolti, se sono volte a far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria o per svolgere le investigazioni difensive previste dalla legge 397/2000, e ciò a condizione che i dati siano trattati esclusivamente per tale finalità per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento.

Afferma il Tribunale: " (...) è pertanto da escludersi nel caso in esame la configurabilità di ogni rilevanza penale della condotta del ricorrente, sussistendo l’ipotesi derogatoria, rispetto alla necessità di acquisire il consenso dei soggetti privati interessati alle registrazioni, visto la finalità del lavoratore di documentare e dimostrare il demansionamento ed il mobbing."

Quanto al carattere ritorsivo del licenziamento il giudice stabilisce che "(…) il licenziamento per ritorsione, costituisce l’ingiusta  e arbitraria reazione ad un comportamento legittimo del lavoratore colpito o di altra persona ad esso legata, con conseguente nullità del licenziamento."

Le condizioni necessarie per l’utilizzabilità delle registrazioni occulte nel processo

La Suprema Corte si è espressa circa le condizioni che legittimano la produzione, in giudizio, delle registrazioni effettuate all’insaputa dell’interlocutore, rinvenendo tali condizioni in:

Esigenza di tutela o riconoscimento di un diritto;

- Utilizzo delle riproduzioni esclusivamente per esigenze di difesa e durante il periodo necessario a dette esigenze.

Nel caso in esame il dipendente è stato quindi  reintegrato nel posto di lavoro, avendo il Giudice ritenuto il licenziamento nullo e ritorsivo, poiché adottato a fronte dell’esercizio legittimo di un diritto.

 

 

Archivio news

 

News dello studio

ott7

07/10/2021

LAVORATORE INVALIDO - LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO DEL PERIODO DI  COMPORTO - Avv. Arturo Strullato

LAVORATORE INVALIDO - LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO DEL PERIODO DI COMPORTO - Avv. Arturo Strullato

Si consolida nella giurisprudenza l'orientamento che ritiene discriminatoria la norma del CCNL che include nel calcolo del periodo di comporto le assenze di persone con disabilità, legate alla

set21

21/09/2021

Accolto il ricorso della FIOM CGIL contro la GKN - Avv. Arturo Strullato

Accolto il ricorso della FIOM CGIL contro la GKN - Avv. Arturo Strullato

ll Tribunale di Firenze, con un provvedimento del 20 settembre 2021 (a questo link), ha accolto il ricorso per condotta antisindacale promosso dalla FIOM CGIL di Firenze avverso la GKN S.p.a.. In particolare

ago27

27/08/2021

Insegnante no-mask e licenziamento per giusta causa - Avv. Arturo Strullato

Insegnante no-mask e licenziamento per giusta causa - Avv. Arturo Strullato

IL FATTO Una insegnante di una scuola dell'infanzia della provincia di Trento, nelle settimane iniziali dell’anno scolastico 2020/2021, ometteva ripetutamente di utilizzare la mascherina durante